immagine bg interna

#Turismo culturale e sostenibile: Raffaello Sanzio e le Marche, #IoViaggioItaliano”: riscoprire la bellezza dei paesaggi, dei borghi e delle opere artistiche per il rilancio del settore turistico e superare la crisi post Covid-19. 

Questa mattina, diretta streaming dalle Scuderie del Quirinale, visita alla mostra “Raffaello 1520-1483” e presentazione delle monete celebrative per il 500° anniversario della morte dell’artista.

(ROMA, 24 luglio 2020) Si è svolta questa mattina la diretta streaming dal titolo “#Turismo culturale e sostenibile: Raffaello Sanzio e le Marche, #IoViaggioItaliano”, promossa da Regione Marche, Fondazione UniVerde, Scuderie del Quirinale e Svim – Agenzia di Sviluppo della Regione Marche, con il supporto di Automobile Club d'Italia.

Il 2020 è l’anno delle celebrazioni del 500° anniversario della morte di Raffaello Sanzio, artista poliedrico che ha mosso i suoi primi passi nelle Marche, in particolare a Urbino, sua città natale. Autore di capolavori rari e preziosi, fu un punto di riferimento fondamentale nella Roma di Papa Giulio II, prima, e di Papa Leone X, dopo, chiamato a contribuire con le sue opere al rinnovamento artistico della Città Eterna, dove fu punto di riferimento per artisti, antiquari e poeti. 

La diretta, in collegamento dalle Scuderie del Quirinale, si è svolta in occasione della mostra “Raffaello 1520-1483” che i rappresentanti dei soggetti promotori hanno potuto apprezzare all’interno dell’area museale, visitando le oltre 200 opere provenienti dalle più importanti collezioni internazionali, introdotte da Mario De Simoni, Presidente delle Scuderie del Quirinale.

L'evento è stato occasione per rilanciare #ioviaggioitaliano, la campagna per incentivi e attivismo civico a favore del turismo in Italia, promossa da Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, e dall’inviato di Striscia la notizia, Jimmy Ghione

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, ha dichiarato: “Il turismo culturale può essere un esempio di sostenibilità e di rilancio per un settore in grave crisi. Le Marche, da questo punto di vista, possono dare un segnale positivo incentivando il turismo nelle aree interne e nei borghi, che può permettere di estendere le aree visitate e i periodi di vacanza. La mostra su Raffaello, che abbiamo apprezzato, e le splendide monete coniate dalla Zecca, presentate oggi all'evento, sono un contributo eccezionale al rilancio della cultura come grande volano di attrazione verso il nostro Bel Paese”.

Luca Ceriscioli, Presidente della Regione Marche, ha dichiarato: “Il turismo esperienziale è la tipologia di visita di cui noi ci facciamo portavoce, quella che permette al visitatore la scoperta di piccole realtà con le loro preziose bellezze dal punto di vista storico, artistico, architettonico e paesaggistico. Le Marche sono un territorio privilegiato, a partire dai numerosi borghi e dai musei che custodiscono un ricco ed eterogeo patrimonio. Un’inestimabile risorsa che fa conoscere, in sicurezza, a tutti i turisti la cultura, le tradizioni e l’identità di una regione che si estende dagli Appennini al mare”.

Gianluca Carrabs, Amministratore Unico di Svim – Agenzia di Sviluppo della Regione Marche, ha dichiarato: “Abbiamo voluto rilanciare la campagna #ioviaggioitaliano, declinandola anche in #ioviaggiomarchigiano. Quello che proponiamo è un modello di sviluppo integrato per l’economia delle Marche e, soprattutto, del suo entroterra, tramite il turismo outdoor. Un prodotto turistico legato all’ambiente e alla cultura del territorio, favorendo l’incremento di posti di lavoro, il ripopolamento dei borghi e una forte destagionalizzazione dell’offerta. L’obiettivo è quello di favorire una veloce ripresa post Covid di tutto il comparto turistico regionale”.

Mario De Simoni, Presidente delle Scuderie del Quirinale, ha sottolineato “L’Italia deve ripartire puntando sulle proprie eccellenze come l’arte, la bellezza e il paesaggio. Il 2 giugno scorso, in coincidenza con la Festa della Repubblica, abbiamo voluto lanciare un segnale positivo con la ripartura della mostra dedicata a Raffaello. Il pubblico ha accolto con entusiamo il nostro invito facendo registrare il tutto esaurito sin dal primo giorno. L’annivesario dei 500 anni dalla morte del grande artista è un evento che ci stimola a ricordare l’eccezionalità del talento italiano ed è fondamentale che tutto il Paese, con le sue realtà più importanti come l’Istituto Poligrafico e la Zecca dello Stato e la Regione Marche, che ha dato i natali a Raffaello, si unisca nel celebrare questa straordinaria ricorrenza”.

Nel corso dell'incontro, si è tenuta la presentazione delle monete in oro e in argento realizzate dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato per il 500° anniversario della morte di Raffaello Sanzio, con l’intervento dell’Ing. Matteo Taglienti: “Siamo orgogliosi di questo omaggio a Raffaello, uno dei più grandi artisti del Rinascimento italiano. La grandezza del suo genio si può apprezzare anche dalla grande qualità artistica del lavoro dei nostri maestri incisori. Sul dritto delle monete è rappresentato l’autoritratto del grande artista urbinate, conservato alle Gallerie degli Uffizi di Firenze, il rovescio riporta un particolare dell’affresco Scuola di Atene”.

All'evento, trasmesso in diretta streaming sulle Pagine Facebook della Fondazione UniVerde e di Svim, è intervenuto anche Gerardo Capozza, Segretario Generale ACI − Automobile Club d’Italia.

Pubblicato in Notizie
Giovedì, 30 Luglio 2020 12:39

Avio-turismo al Lago di Sassocorvaro

L’avio-turismo atterra a Sassocorvaro

Prove tecniche per la nuova idro-superficie del lago Mercatale, sarà la terza infrastruttura naturale delle Marche

Sassocorvaro (PU) 24 luglio 2020 - È un progetto innovativo che riesce a legare una rete infrastrutturale naturale alla modalità aerea ed al turismo: si chiama avio-turismo. Le prove tecniche della nuova idro-superficie del lago Mercatale a Sassocorvaro si terranno domenica 26 luglio alle ore 11.00. Questa di Sassocorvaro sarà la terza idro-superficie delle Marche e si andrà ad aggiungere alle 2 già esistenti del lago di Caccamo (MC) e di Gerosa (AP). Un progetto che vede la collaborazione di Svim Agenzia di Sviluppo della Regione Marche, Università Popolare del Mediterraneo, Aviazione Marittima Italiana, Piloti di Classe, Aeroclub Picenum e Consorzio Bonifica delle Marche. “Tra le varie espressioni di turismo, forse la meno nota è quella del turismo aeronautico – ha dichiarato Gianluca Carrabs Amministratore Unico di Svim – e con il progetto l'autostrada del Cielo - dall'Oltralpe agli Appennini che vedrà una sua “uscita” a Sassocorvaro vogliamo proporre un'innovazione importante che va ad arricchire le offerte turistiche del nostro territorio, togliendo dall’isolamento, quasi totale, il sub-Appennino, fino ad ora strangolato da una viabilità pressoché inesistente che per anni ha limitato flussi di cui hanno potuto usufruire invece, ad esempio le Alpi, molto ben servite da straordinarie e veloci vie di comunicazione. Un'iniziativa che vede la Macroregione Adriatico-Ionica come palcoscenico e con Zara alleata per il grande turismo dell'Europa Orientale”.

I dati sull’avio-turismo fanno segnare numeri importanti: la flotta europea degli aerei da turismo supera le 100.000 unità e in Italia ci sono 50 aeroporti, 497 piste di volo e 6 idro-superfici.

“Ci sono tutti gli elementi per un concreto sviluppo economico turistico dell’area con un progetto di questo tipo – ha continuato Carrabs – l’avioturista è un viaggiatore con un'alta capacità di spesa proveniente in genere dal Nord – Europa alla ricerca delle bellezze e dei luoghi d'eccellenza italiani come i borghi storici con le loro tipicità. Una volta fatta atterrare l’aeromobile i passeggeri e piloti hanno poi necessità di tutta una serie di servizi di ristoro e accoglienza come hotels, agriturismi e B&B. Questa di Sassocorvaro è un'iniziativa che andrà ad inserirsi in tutte quelle attività atte ad esaltare le bellezze delle aree interne, i loro profumi, sapori e lo straordinario patrimonio artistico e culturale che ne contraddistingue il territorio e ringrazio il Sindaco di Sassocorvaro Auditore Daniele Grossi, il Presidente del Consorzio di Bonifica delle Marche Avvocato Claudio Netti, il Presidente della Camera di Commercio delle Marche Gino Sabatini, la Proloco di Sassocorvaro e la Società Canottiere Montefeltro per aver sostenuto questa bella iniziativa”.

Pubblicato in Notizie
Giovedì, 30 Luglio 2020 12:32

Progetto "Appennino Outdoor"

Dopo Marche Outdoor, si presenta Appennino Outdoor la nuova frontiera del turismo sostenibile

 

Si è tenuta mercoledì 22 alle ore 18.00 presso il Castello di Granarola la tavola rotonda sul turismo sostenibile ed innovativo, un percorso fattibile per il rilancio del comparto su tutto il territorio regionale, ma non solo

Ancona 21 luglio 2020 – Si è tenuta mercoledì 22 luglio alle ore 18.00 presso il Castello di Granarola la tavola rotonda “Appennino Outdoor la nuova frontiera del turismo sostenibile”. Un progetto che si sviluppa da quello già realizzato denominato "Marche Outdoor". Il dibattito ha visto la partecipazione di Federico Geremel direttore di Lonely Planet Magazine Italia, Marco Bruschini Direttore Politiche Turismo e Promozione ACI, Roberto Ronchi Presidente dell’Associazione Giornalisti Ciclisti Italiani, Alfonso Pecoraro Scanio Professore di Turismo e Sostenibilità Università degli Studi di Tor Vergata, Lorenzo Lombardi giornalista e green influencer, Alberto Mazzini Servizio Sviluppo e Valorizzazione della Regione Marche, Maurizio Mangialardi Presidente Anci, Gianluca Carrabs Amministratore Unico di Svim Agenzia di Sviluppo della Regione Marche, moderati e coordinati dal giornalista RAI Paolo Notari. 

Una riflessione che ha toccato temi importantissimi e proposto un modello di sviluppo integrato per l’economia delle Marche ma, soprattutto, del suo entroterra, tramite un volano già testato e in forte crescita: quello del turismo outdoor, riprendendo il progetto "Marche Outdoor" già realizzato ed in fase di implementazione dalla Regione Marche. Un raccordo trasversale per l’area dell’Appennino che crea un sistema in grado di intensificare un prodotto turistico collegato all’ambiente e alla cultura del territorio, favorendo l’incremento di posti di lavoro e il ripopolamento dei borghi. Fra le proposte l’idea di un sistema digitale in grado di delineare un viaggio alla scoperta di luoghi nascosti, dove il tempo sembra si sia fermato a tutto vantaggio della qualità della vita e di un rapporto armonico con la natura. Una progettualità che punta ad una forte destagionalizzazione dell’offerta turistica di sicuro richiamo per il viaggiatore internazionale. Utilizzando le esperienze progettuali già maturate nelle Marche e, integrandole con nuove proposte, l’obiettivo sarà in questa difficile fase per tutto il settore, di creare un’offerta che possa favorire e velocizzare una ripresa post Covid di tutto il comparto turistico regionale.

La seconda tappa si terrà il 31 luglio alle 18 presso la Sala del Consiglio Comunale di Piobbico.

 

Pubblicato in Notizie