immagine bg interna

Risultati della ricerca per: Ambiente

In programma per giovedi 5 agosto, la presentazione del progetto FRAMESPORT - Framework initiative fostering the sustainable development of Adriatic small ports e dell'azione pilota nel porto di Numana.  

Il progetto prevede la realizzazione di azioni pilota, per testare nuove soluzioni per risolvere i problemi esistenti ed indirizzare i piccoli porti verso una crescita sostenibile, legate a specifici macrotemi: dalla creazione di applicazioni ICT e di servizi correlati, alla pianificazione del territorio, la protezione dell’ambiente e lo sviluppo delle potenzialità dei piccoli porti in termini di business.

Nel porto di Numana, Sviluppo Marche srl insieme alla Regione Marche ed il Comune di Numana si è concentrata sull’ottimizzazione ed implementazione di un’ azione ‘eco-friendly’ di smart mobility, per migliorare i collegamenti del porto di Numana, e allo stesso tempo sviluppare modalità di trasporto sostenibile per ridurre i consumi energetici e l'impatto ambientale.

Un servizio di biciclette elettriche gratuito da agosto a settembre tutti i giorni, nella fascia orarioa 08:00-20:00, 

Un’eccellenza per i piccoli porti della Regione Marche, in termini di sostenibilità ambientale che sarà inaugurato giovedi 5 agosto alle 12:00 in seguito alla conferenza stampa in programma alle 11:00

L'agenda dei lavori in allegato. 

Il progetto, coinvolge 16 enti italiani e croati come partner ed altri 12 come associati garantendo la completa copertura geografica dell’area costiera adriatica. Tra i partner figura Sviluppo Marche srl a fianco del Servizio Tutela, Gestione e Assetto del Territorio della Regione Marche ed i Comuni di Gabicce Mare e Numana, come partners associati dell’iniziativa.

Per essere sempre aggiornati: è possibile iscriversi alla newsletter di progetto a questo link http://eepurl.com/guHI-5

o accedere ai seguenti links: 

https://www.italy-croatia.eu/web/framesport
linkedin.com/company/framesport-interreg-italy-croatia/
facebook.com/framesportinterregitalycroatia


Pubblicato in Notizie

In programma per mercoledi 21, la presentazione del progetto FRAMESPORT - Framework initiative fostering the sustainable development of Adriatic small ports e l'incontro con gli stakeholders del Comune di Gabicce Mare/ Porto di Vallugola. 

L'agenda dei lavori in allegato. 

Il progetto, coinvolge 16 enti italiani e croati come partner ed altri 12 come associati garantendo la completa copertura geografica dell’area costiera adriatica. Tra i partner figura Sviluppo Marche srl a fianco del Servizio Tutela, Gestione e Assetto del Territorio della Regione Marche ed i Comuni di Gabicce Mare e Numana, (come partner associato) come partners associati dell’iniziativa.

Sarà un'importante occasione per l’attivazione di un dialogo costruttivo con la rete di attori locali e la raccolta capillare di informazioni, per la definizione di un quadro strategico transfrontaliero del progetto. 

Il progetto prevede la realizzazione di azioni pilota, per testare nuove soluzioni per risolvere i problemi esistenti ed indirizzare i piccoli porti verso una crescita sostenibile, legate a specifici macrotemi: dalla creazione di applicazioni ICT e di servizi correlati, alla pianificazione del territorio, la protezione dell’ambiente e lo sviluppo delle potenzialità dei piccoli porti in termini di business.

Nel porto di Vallugola, Sviluppo Marche srl insieme alla Regione Marche ed il Comune di Gabicce Mare si è concentrata sull’ottimizzazione ed implementazione di un’ azione ‘eco-friendly’ di smart mobility, per migliorare i collegamenti del porto di Vallugola, e allo stesso tempo sviluppare modalità di trasporto sostenibile per ridurre i consumi energetici e l'impatto ambientale.

Un servizio di bus elettrico gratuito dal 22 luglio al 4 settembre tutti i giorni. Prima corsa alle 9.30 e l’ultima alle 18:00 verso Gabicce. Un’eccellenza per i piccoli porti della Regione Marche, in termini di sostenibilità ambientale che sarà inaugurato mercoledi 21 alle 12:00 presso la sede del Comune di Gabicce Mare.

Per essere sempre aggiornati: è possibile iscriversi alla newsletter di progetto a questo link http://eepurl.com/guHI-5

o accedere ai seguenti links: 

https://www.italy-croatia.eu/web/framesport
linkedin.com/company/framesport-interreg-italy-croatia/
facebook.com/framesportinterregitalycroatia


Pubblicato in Notizie

Via ad HORIZON 2021-27: il programma UE di ricerca e innovazione transnazionale più vasto al mondo

Approvato in via definitiva dall’Europarlamento con un budget di 95,5 miliardi di euro per il settennato 2021-27 Horizon Europe, il più vasto programma di ricerca e innovazione transnazionale al mondo. Rese note la struttura del programma e le azioni finanziate.

 

Horizon Europe (HE) costituisce il più vasto programma di ricerca e innovazione transnazionale al mondo ed uno dei più ambiziosi in seno all’Unione europea. Con una dotazione complessiva di 95,5 miliardi per il periodo 2021-2027, finanzia attività di ricerca e innovazione principalmente attraverso inviti a presentare proposte aperti e competitivi.

Si tratta di un programma a gestione diretta, ovvero direttamente attuato dalla Commissione europea, con l’ambizione di facilitare la collaborazione e rafforzare l'impatto della ricerca e dell'innovazione nello sviluppo, nel sostegno e nell'attuazione delle politiche dell'UE, affrontando al contempo le sfide globali.

 

La struttura e i Work Programs

Sono attualmente in corso di preparazione i Work Programs (WPs) di Horizon Europe contenenti le call per i primi 4 anni (2021-2024) e a scadenze programmate sarà possibile sottoporre le proposte progettuali. I WP si articolano in Pilastri (pillar), Cluster e Topic:

Pillar I - Scienza Eccellente:

  • Consiglio Europeo della Ricerca
  • Azioni Marie Skłodowska-Curie
  • Infrastrutture di ricerca

Pillar II - Sfide Globali e Competitività Europea Industriale:

  • Cluster 1. Salute
  • Custer 2. Cultura, Creatività e Società Inclusiva
  • Cluster 3. Sicurezza Civile per la Società
  • Cluster 4. Digitale, Industria and Spazio
  • Cluster 5. Clima, Energia e Mobilità
  • Cluster 6. Alimentazione, Bioeconomia, Risorse Naturali, Agricoltura e Ambiente

Pillar III - Europa Innovativa:

  • Consiglio Europeo per l’Innovazione

A cui si aggiunge:

  • Ampliamento della partecipazione e rafforzamento dell’Area di Ricerca Europea.

 

Chi può rispondere alle Call di Horizon

In generale, qualsiasi soggetto giuridico avente sede in UE può partecipare al Programma, ma sono inclusi quelli provenienti da paesi terzi non associati e le organizzazioni internazionali, purché rispettino il regolamento di HE e le condizioni specifiche previste da ogni Call.

 

Le azioni e i contributi

L'ammontare del contributo europeo per i progetti finanziati da Horizon Europe varia in relazione alla tipologia di azione:

  • Azione di ricerca e innovazione (RIA): attività che mirano principalmente a creare nuove conoscenze o esplorare la fattibilità di una tecnologia, prodotto, processo, servizio o soluzione (ricerca di base e applicata, sviluppo e integrazione tecnologico, test, dimostrazione e convalida di un prototipo su piccola scala in un laboratorio o ambiente simulato).

       Contributo UE: 100% delle spese ammissibili.

  • Azione per l'innovazione (IA): mira a definire piani o design per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati (prototipazione, test, dimostrazione, sperimentazione, convalida del prodotto su larga scala e applicazione sul mercato).

       Contributo UE: 70% delle spese ammissibili (100% per gli enti no profit).

  • Azione di coordinamento e supporto (CSA): coordinamento di azioni bottom-up che promuovono la cooperazione tra soggetti giuridici degli Stati membri e Paesi associati per rafforzare lo Spazio europeo della ricerca.

       Contributo UE: 100% delle spese ammissibili.

  • Programma co-fund (CoFund): attività a supporto di networking e coordinamento, ricerca, innovazione, azioni pilota, innovazione e diffusione sul mercato, formazione e mobilità, sensibilizzazione e comunicazione, diffusione e valorizzazione dei risultati. Questo Programma sarà stabilito o attuato da soggetti giuridici che gestiscono o finanziano programmi di ricerca e innovazione, diversi dagli organismi di finanziamento europei.

       Contributo UE: tra il 30%-70% delle spese ammissibili.

  • Innovazione e diffusione sul mercato (IMDA): azioni per l'innovazione e altre attività necessarie a diffondere l'innovazione sul mercato (anche scaling-up e finanziamento misto).

       Contributo UE: 70% delle spese ammissibili (100% per gli enti no profit).

  • Formazione e mobilità (TMA): attività basate sulla mobilità tra paesi, settori o discipline, allo scopo di migliorare le capacità, le conoscenze e le prospettive di carriera dei ricercatori.

       Contributo UE: 100% delle spese ammissibili.

  • Pre-commercial procurement (PCP): attività volte ad aiutare un gruppo transnazionale di acquirenti a rafforzare gli appalti pubblici per ricerca, sviluppo, convalida e, possibilmente, la prima implementazione di nuove soluzioni per migliorare in modo significativo la qualità e l'efficienza in aree di interesse pubblico, offrendo opportunità di mercato all'industria e i ricercatori.

       Contributo UE: 100% delle spese ammissibili.

  • Public procurement per soluzioni innovative (PPI): attività che mirano a rafforzare la capacità di un gruppo di acquirenti transnazionali di implementare in modo tempestivo soluzioni innovative ovviando alla frammentazione della domanda e condividendo rischi e costi.

       Contributo UE: 50% delle spese ammissibili.

 

Clicca qui per scoprire i bandi aperti

 

 

Fonte: Horizon Europe Work Programme 2021-2022 13. General Annexes

Pubblicato in Notizie

SINGLE MARKET PROGRAMME 2021-27: 4,2 miliardi di euro a sostegno della competitività delle MPMI

Pubblicato sulla Gazzetta Europea del 3 maggio 2021 il Regolamento del Single Market Programme, il nuovo programma europeo per il mercato unico che sostituisce i sei Pilastri del ciclo 2014-2020, nel nuovo settennato 2021-2027. Con un budget di 4,2 miliardi di euro, il Single Market Programme si concentra sul rafforzamento della governance del mercato interno, sul sostegno alla competitività dell'industria delle micro, piccole e medie imprese, sulla promozione della salute umana, animale e vegetale e sul benessere degli animali.

 

I 6 pilastri del Single Market Programme 2021-2027

1 PILASTRO: MERCATO INTERNO

L’attuazione di questa parte del Programma mira a rendere il mercato interno più efficace, sostenendo lo sviluppo, l'attuazione e l'applicazione del diritto dell'Unione in materia di beni e servizi, compresa la libera circolazione dei capitali e dei servizi finanziari oltre che un’efficace sorveglianza del mercato in tutta l'Unione.

Budget: 777,5 milioni di euro

2 PILASTRO: SUPPORTO ALLE PMI

Questo pilastro garantirà in primo luogo la continuità dell'attuazione delle azioni di maggior impatto del precedente programma COSME, sostenendo un migliore accesso ai mercati, un ambiente imprenditoriale più favorevole attraverso la promozione della competitività, dello sviluppo di capacità e della sostenibilità delle imprese, compreso il settore del turismo.

Budget: 1 miliardo di euro

3 PILASTRO: REGOLAMENTAZIONE

Il ruolo degli standard è quello di proteggere la salute, la sicurezza e l'ambiente dei cittadini europei. Grazie a questo Pilastro verranno sovvenzionati il funzionamento e le azioni promosse nell'ambito degli accordi quadro di partenariato alle organizzazioni di normazione europee, che rappresentano gli interessi delle PMI e delle comunità.

Budget: incluso nei 777,5 milioni di euro del mercato interno

4 PILASTRO: CONSUMATORI

I consumatori sono posti al centro del mercato interno nel quadro della strategia dell'UE per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. L'obiettivo generale di questo Pilastro è garantire un elevato livello di protezione dei consumatori europei attraverso la loro responsabilizzazione. In particolare, il regolamento sui programmi in corso si pone quattro obiettivi principali:

  1. Sicurezza: per consolidare e migliorare la sicurezza dei prodotti;
  2. Informazioni al consumatore, formazione e supporto alle organizzazioni di consumatori;
  3. Diritti e ricorsi: per sviluppare e rafforzare i diritti dei consumatori
  4. Esecuzione: per sostenere l’applicazione dei diritti dei consumatori

Budget: 198,5 milioni di euro

5 PILASTRO: FILIERA ALIMENTARE

Garantire la sicurezza e la qualità dei prodotti alimentari e agricoli sono gli obiettivi al centro di questo Pilastro. La Health and Digital Executive Agency sta implementando l'iniziativa della Commissione Europea Better Training for Safer Food (BTSF) progettata per sviluppare una strategia di formazione nei settori della legislazione alimentare, sui mangimi, sulla salute degli animali, sulle norme sul benessere degli animali e sulla salute delle piante. BTSF è destinata a tutti i funzionari delle autorità competenti dei paesi dell'UE che sono coinvolti nelle attività di controllo ufficiale.

Budget: 1,68 miliardi di euro

6 PILASTRO: STATISTICHE

Pilastro incentrato sulla produzione e la comunicazione di statistiche di alta qualità relative all’Unione Europea.

Budget: 552 milioni di euro

 

Focus su COSME e sulle novità del Programma

La Commissione ha prodotto una relazione sulle prestazioni dell’edizione precedente di COSME, con la quale ha cercato di individuare ciò che ha funzionato e ciò che ha dovuto essere migliorato nel nuovo Programma. Esso, secondo la Commissione, è riuscito in tre anni di attività a stimolare la crescita economica e a creare posti di lavoro. In particolare, la Commissione riconosce due qualità a COSME: il buon uso del network di agenzie regionali e locali negli Stati Membri (Enterprise Europe Network) e il valore aggiunto che esso riesce a portare come iniziativa europea.  Il nuovo programma proposto assicura la continuità delle diverse azioni precedenti e nel contempo razionalizza e sfrutta le sinergie tra tali azioni e quelle nuove.

Si è resa necessaria in particolare una razionalizzazione finanziaria di COSME mediante la messa in comune di tutti gli strumenti gestiti centralmente a livello di Unione nel Fondo InvestEU, tra cui gli strumenti finanziari di debito e di capitale a favore delle PMI. Il programma prevede ora un quadro di finanziamento più flessibile e agile volto a salvaguardare un mercato interno che funzioni correttamente nel modo economicamente più efficiente, evitando duplicazioni e frammentazione nell’ambito del sostegno per il mercato interno.

Tra le novità si segnala EISMEA (European Innovation Council and SMEs Executive Agency), la nuova agenzia esecutiva che sostituisce l’EASME per la gestione del Single Market Program in merito a competitività delle imprese, governance del mercato interno, regolamentazione e consumatori.

 

 

Fonti: Sito di EISMEA, Single Market Programme  e “From COSME to SMP” del SME Policy Directorate DG for Internal Market, Industry, Entrepreneurship and SMEs.

Pubblicato in Notizie

Il progetto FRAMESPORT sta sviluppando e testerà soluzioni innovative a favore dei vari ambiti di interesse dei piccoli porti, prendendo spunto anche da best practice nazionali ed internazionali e promuovendo un costante confronto con i principali stakeholder locali e nazionali, al fine di identificare i temi prioritari per lo sviluppo di una strategia complessiva. In tal senso, la realizzazione di una piattaforma ICT, in grado di raccogliere e sistematizzare i dati relativi alle portualità minori presenti nell’area, rappresenta uno dei principali obiettivi del progetto ed insieme un punto di partenza necessario ai successivi sviluppi del sistema.

Il progetto prevede la realizzazione di azioni pilota in ciascuna delle Regioni italiane adriatiche ed in quasi tutte le Contee croate che si affacciano alla costa. Tali azioni, fra loro diverse e peculiari ma al contempo collegate, riguardano temi specifici come la connettività, l’ambiente e l’innovazione, hanno l’obiettivo di testare nuove soluzioni per risolvere i problemi esistenti ed indirizzare i piccoli porti verso una crescita sostenibile.

Sulla base di questi strumenti, il progetto intende costruire un quadro strategico capace di offrire un nuovo impulso agli snodi marittimi minori lungo le coste adriatiche, rinnovandone l’importanza quali promotori economici del territorio.

Sviluppo Marche srl è a fianco del Servizio Tutela, Gestione e Assetto del Territorio della Regione Marche ed i Comuni di Gabicce Mare e Numana, nella definizione delle azioni pilota nei porti di Vallugola/Gabicce Mare e di Numana. Mobilità sostenibile e sviluppo di servizi turistici integrati per la valorizzazione del territorio sono le parole chiave.

Nella brochure in allegato maggiori informazioni sullle azioni del progetto. 

A questi link per tutti gli aggiornamenti: 

https://www.italy-croatia.eu/web/framesport
linkedin.com/company/framesport-interreg-italy-croatia/
facebook.com/framesportinterregitalycroatia

Per essere sempre aggiornati: è possibile iscriversi alla newsletter di progetto a questo link http://eepurl.com/guHI-5

Pubblicato in Notizie
Lunedì, 28 Settembre 2020 10:14

TAKE IT SLOW

“Smart and Slow Tourism Supporting Adriatic Heritage for Tomorrow” (TAKE IT SLOW) è un progetto strategico nel settore del turismo in Italia e Croazia che mira a gestire e promuovere la Regione Adriatica come destinazione turistica transfrontaliera verde, intelligente, sostenibile, accessibile e slow.

Pertanto, il progetto TAKE IT SLOW mira a promuovere la protezione e la promozione del paesaggio, dell'architettura tradizionale, della gastronomia e dello stile di vita slow, attraverso la creazione di prodotti del turismo sostenibile e lento, con la collaborazione di industrie creative, arte e tecnologie ICT e a sviluppare strumenti per rispondere tempestivamente alle richieste del mercato turistico.

Pubblicato in Progetti

Ancona 17 agosto 2020 - Nelle Marche è nato “Appennino Outdoor” un modello di sviluppo integrato, per il rilancio di tutta l’economia regionale   e soprattutto del suo entroterra, tramite un volano già testato e in forte crescita, quello del turismo outdoor. Un raccordo trasversale per l’area dell’Appennino, che crea un modello in grado di intensificare un prodotto turistico collegato all'ambiente e alla culturadel territorio, favorendo l'incremento di posti di lavoro e il ripopolamento dei borghi. 

Un sistema digitale in grado di delineare un viaggio alla scoperta di luoghi nascosti, dove il tempo sembra si sia fermato, e dove il contatto con la natura e la qualità della vita diventano elementi centrali per una forte destagionalizzazione dell'offerta e richiamo per il turista internazionale. “Appennino Outdoor” utilizza le esperienze progettuali già maturate con “Marche Outdoor” integrandole per una attuazione e ricaduta immediata sui territori, a favore anche di una ripresa post Covid. 

In attuazione della Carta di Fonte Avellana la Svim l'Agenzia di Sviluppo della Regione Marcheavvierà, già a partire dalle prossime settimane, una strategia di sviluppo delle aree interne dell'Appennino marchigiano impegnandosi nella realizzazione del rilancio delle aree collinari e montane. Le azioni consentiranno da un lato lo sviluppo locale e il rafforzamento dei servizi essenziali alla cittadinanza, dall'altro interventi che favoriranno la rivalutazione e recupero degli aspetti ecologici-ambientali e, dall'altro ancora, la valorizzazione del territorio in un'ottica di turismo sostenibile

Le aree interne sono territori particolarmente fragili, che hanno subito nel tempo un processo di marginalizzazione e declino demografico che, ad oggi, scontano particolari difficoltà connesse anche agli eventi sismici del 2016. Le importanti potenzialità di ricchezza naturale e paesaggistica vanno recuperate e valorizzate con politiche integrate per favorire lo sviluppo economico e adeguare l'offerta di servizi alle esigenze delle comunità locali. Questo grande progetto vedrà il coinvolgimento delle Province, delle Unioni Montane, dei Comuni, dei Centri per l’impiego, l’orientamento e la formazione e delle Cooperative forestali.

I vantaggi ambientali sono da ravvisare nell'attuazione di interventi per la messa in sicurezza del territorio in termini di riduzione del rischio idrogeologico, prevenzione incidenti per le aree interne e impatti derivanti dai cambiamenti climatici. Realizzando opere mediante interventi di ingegneria naturalistica e selviculturali. Le attività di gestione comportano inoltre la valorizzazione, anche in chiave di fruizione ricettiva, delle valenze di pregio naturali, paesaggistiche e culturali. Così intese le aree interne, oltre a rappresentare un serbatoio occupazionale, consentono di consolidare la propria attrattività turistico-ricreative, tale da costituire la base per iniziative imprenditoriali a carattere ricettivo.

I vantaggi economici mirano a mitigare, ridurre e prevenire i costi da destinare alle opere di ripristino dei territori, anche a seguito di eventi calamitosi. 

I vantaggi sociali risiedono nel consolidare ed offrire concrete occasioni di lavoro per i residenti attraverso finanziamenti a fondo perduto, con l'opportunità di assorbire e reimpiegare soggetti attualmente inoccupati. Il fine è pertanto quello di consentire immediate opportunità di sviluppo a partire dal settore primario e dei servizi turistici al territorio, limitando lo spopolamento e l'abbandono delle aree interne, mantenendo il presidio delle aree e riducendo il degrado.

Pubblicato in Notizie

#Turismo culturale e sostenibile: Raffaello Sanzio e le Marche, #IoViaggioItaliano”: riscoprire la bellezza dei paesaggi, dei borghi e delle opere artistiche per il rilancio del settore turistico e superare la crisi post Covid-19. 

Questa mattina, diretta streaming dalle Scuderie del Quirinale, visita alla mostra “Raffaello 1520-1483” e presentazione delle monete celebrative per il 500° anniversario della morte dell’artista.

(ROMA, 24 luglio 2020) Si è svolta questa mattina la diretta streaming dal titolo “#Turismo culturale e sostenibile: Raffaello Sanzio e le Marche, #IoViaggioItaliano”, promossa da Regione Marche, Fondazione UniVerde, Scuderie del Quirinale e Svim – Agenzia di Sviluppo della Regione Marche, con il supporto di Automobile Club d'Italia.

Il 2020 è l’anno delle celebrazioni del 500° anniversario della morte di Raffaello Sanzio, artista poliedrico che ha mosso i suoi primi passi nelle Marche, in particolare a Urbino, sua città natale. Autore di capolavori rari e preziosi, fu un punto di riferimento fondamentale nella Roma di Papa Giulio II, prima, e di Papa Leone X, dopo, chiamato a contribuire con le sue opere al rinnovamento artistico della Città Eterna, dove fu punto di riferimento per artisti, antiquari e poeti. 

La diretta, in collegamento dalle Scuderie del Quirinale, si è svolta in occasione della mostra “Raffaello 1520-1483” che i rappresentanti dei soggetti promotori hanno potuto apprezzare all’interno dell’area museale, visitando le oltre 200 opere provenienti dalle più importanti collezioni internazionali, introdotte da Mario De Simoni, Presidente delle Scuderie del Quirinale.

L'evento è stato occasione per rilanciare #ioviaggioitaliano, la campagna per incentivi e attivismo civico a favore del turismo in Italia, promossa da Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, e dall’inviato di Striscia la notizia, Jimmy Ghione

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente della Fondazione UniVerde, ha dichiarato: “Il turismo culturale può essere un esempio di sostenibilità e di rilancio per un settore in grave crisi. Le Marche, da questo punto di vista, possono dare un segnale positivo incentivando il turismo nelle aree interne e nei borghi, che può permettere di estendere le aree visitate e i periodi di vacanza. La mostra su Raffaello, che abbiamo apprezzato, e le splendide monete coniate dalla Zecca, presentate oggi all'evento, sono un contributo eccezionale al rilancio della cultura come grande volano di attrazione verso il nostro Bel Paese”.

Luca Ceriscioli, Presidente della Regione Marche, ha dichiarato: “Il turismo esperienziale è la tipologia di visita di cui noi ci facciamo portavoce, quella che permette al visitatore la scoperta di piccole realtà con le loro preziose bellezze dal punto di vista storico, artistico, architettonico e paesaggistico. Le Marche sono un territorio privilegiato, a partire dai numerosi borghi e dai musei che custodiscono un ricco ed eterogeo patrimonio. Un’inestimabile risorsa che fa conoscere, in sicurezza, a tutti i turisti la cultura, le tradizioni e l’identità di una regione che si estende dagli Appennini al mare”.

Gianluca Carrabs, Amministratore Unico di Svim – Agenzia di Sviluppo della Regione Marche, ha dichiarato: “Abbiamo voluto rilanciare la campagna #ioviaggioitaliano, declinandola anche in #ioviaggiomarchigiano. Quello che proponiamo è un modello di sviluppo integrato per l’economia delle Marche e, soprattutto, del suo entroterra, tramite il turismo outdoor. Un prodotto turistico legato all’ambiente e alla cultura del territorio, favorendo l’incremento di posti di lavoro, il ripopolamento dei borghi e una forte destagionalizzazione dell’offerta. L’obiettivo è quello di favorire una veloce ripresa post Covid di tutto il comparto turistico regionale”.

Mario De Simoni, Presidente delle Scuderie del Quirinale, ha sottolineato “L’Italia deve ripartire puntando sulle proprie eccellenze come l’arte, la bellezza e il paesaggio. Il 2 giugno scorso, in coincidenza con la Festa della Repubblica, abbiamo voluto lanciare un segnale positivo con la ripartura della mostra dedicata a Raffaello. Il pubblico ha accolto con entusiamo il nostro invito facendo registrare il tutto esaurito sin dal primo giorno. L’annivesario dei 500 anni dalla morte del grande artista è un evento che ci stimola a ricordare l’eccezionalità del talento italiano ed è fondamentale che tutto il Paese, con le sue realtà più importanti come l’Istituto Poligrafico e la Zecca dello Stato e la Regione Marche, che ha dato i natali a Raffaello, si unisca nel celebrare questa straordinaria ricorrenza”.

Nel corso dell'incontro, si è tenuta la presentazione delle monete in oro e in argento realizzate dall'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato per il 500° anniversario della morte di Raffaello Sanzio, con l’intervento dell’Ing. Matteo Taglienti: “Siamo orgogliosi di questo omaggio a Raffaello, uno dei più grandi artisti del Rinascimento italiano. La grandezza del suo genio si può apprezzare anche dalla grande qualità artistica del lavoro dei nostri maestri incisori. Sul dritto delle monete è rappresentato l’autoritratto del grande artista urbinate, conservato alle Gallerie degli Uffizi di Firenze, il rovescio riporta un particolare dell’affresco Scuola di Atene”.

All'evento, trasmesso in diretta streaming sulle Pagine Facebook della Fondazione UniVerde e di Svim, è intervenuto anche Gerardo Capozza, Segretario Generale ACI − Automobile Club d’Italia.

Pubblicato in Notizie
Giovedì, 30 Luglio 2020 12:32

Progetto "Appennino Outdoor"

Dopo Marche Outdoor, si presenta Appennino Outdoor la nuova frontiera del turismo sostenibile

 

Si è tenuta mercoledì 22 alle ore 18.00 presso il Castello di Granarola la tavola rotonda sul turismo sostenibile ed innovativo, un percorso fattibile per il rilancio del comparto su tutto il territorio regionale, ma non solo

Ancona 21 luglio 2020 – Si è tenuta mercoledì 22 luglio alle ore 18.00 presso il Castello di Granarola la tavola rotonda “Appennino Outdoor la nuova frontiera del turismo sostenibile”. Un progetto che si sviluppa da quello già realizzato denominato "Marche Outdoor". Il dibattito ha visto la partecipazione di Federico Geremel direttore di Lonely Planet Magazine Italia, Marco Bruschini Direttore Politiche Turismo e Promozione ACI, Roberto Ronchi Presidente dell’Associazione Giornalisti Ciclisti Italiani, Alfonso Pecoraro Scanio Professore di Turismo e Sostenibilità Università degli Studi di Tor Vergata, Lorenzo Lombardi giornalista e green influencer, Alberto Mazzini Servizio Sviluppo e Valorizzazione della Regione Marche, Maurizio Mangialardi Presidente Anci, Gianluca Carrabs Amministratore Unico di Svim Agenzia di Sviluppo della Regione Marche, moderati e coordinati dal giornalista RAI Paolo Notari. 

Una riflessione che ha toccato temi importantissimi e proposto un modello di sviluppo integrato per l’economia delle Marche ma, soprattutto, del suo entroterra, tramite un volano già testato e in forte crescita: quello del turismo outdoor, riprendendo il progetto "Marche Outdoor" già realizzato ed in fase di implementazione dalla Regione Marche. Un raccordo trasversale per l’area dell’Appennino che crea un sistema in grado di intensificare un prodotto turistico collegato all’ambiente e alla cultura del territorio, favorendo l’incremento di posti di lavoro e il ripopolamento dei borghi. Fra le proposte l’idea di un sistema digitale in grado di delineare un viaggio alla scoperta di luoghi nascosti, dove il tempo sembra si sia fermato a tutto vantaggio della qualità della vita e di un rapporto armonico con la natura. Una progettualità che punta ad una forte destagionalizzazione dell’offerta turistica di sicuro richiamo per il viaggiatore internazionale. Utilizzando le esperienze progettuali già maturate nelle Marche e, integrandole con nuove proposte, l’obiettivo sarà in questa difficile fase per tutto il settore, di creare un’offerta che possa favorire e velocizzare una ripresa post Covid di tutto il comparto turistico regionale.

La seconda tappa si terrà il 31 luglio alle 18 presso la Sala del Consiglio Comunale di Piobbico.

 

Pubblicato in Notizie

Nell’ambito delle attività di trasferimento e capitalizzazione dei risultati di progetto “4helix+” dedicato all’innovazione del settore della Blue Economy, annunciamo il primo “Blue Digital Road Show”, previsto tra le attività conclusive del progetto .

Il road show si svolgerà sotto forma di webinar il prossimo 10 Luglio alle h 11 come da agenda allegata sul tema della sostenibilità ambientale delle aziende blu, presentando i risultati ottenuti dalle aziende finanziate e un focus aggiornato sul settore pesca e acquacultura per quanto riguarda le misure post-Covid: PIATTAFORMA 210 Misure urgenti per l’economia, il lavoro e il welfare connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19 per le imprese della pesca e dell'acquacultura.

L’evento è organizzato in collaborazione con lo staff dell'Università Politecnica delle Marche - dip. Scienze della Vita e dell'Ambiente che, fin dall'inizio del progetto, ha avuto il ruolo di esperto scientifico.

Per iscriversi si può richiedere qui il link diretto al webinar >>

Ricordiamo che il progetto "4helix+" è incentrato sul promuovere la crescita delle PMI del settore della Blue Economy attraverso la contaminazione intersettoriale in particolare con le imprese culturali e creative. Il progetto ha promosso l'assegnazione di contributi a fondo perduto, i cosiddetti "vouchers blu", attraverso un lungo processo di selezione della domanda e dell'offerta, portando al finanziamento di n. 6 progetti del nostro territorio per un totale di 60.000 €. >>sito di progetto.

Pubblicato in Notizie
Pagina 1 di 4

Cerca Progetti